Nazionalismo



Italiano quarta lingua del web? OMG!

| | | | |

Ogni giorno ci sono linguisti che si lagnano perchè i teenager scrivono sms abbreviati stile bimbominkia: Kpito? è Xkè Csì risp cRatteri!
Ogni giorno tecnocrati ci dicono che siamo indietro con la banda larga, il che è vero (bastardo digitale terrestre inutile che ha rubato un mucchio di soldi)

Ogni giorno c'è sempre qualcosa per cui lamentarsi,...

ma allora perché la lingua italiana è la quarta al mondo? Davanti al giapponese(la lingua degli ingegneri bambini) e allo spagnolo (che è parlato anche nelle colonie)


Al referendum sulla costituzione vota ni (o so)

|

Dal forum della Rosa nel Pugno emergono segnali contrastanti sul come comportarsi al referendum sulla costituzione.
Bisogna segnalare le prese della RnP tardive e contrastanti su questo tema: Il NO è arrivato sul sito molto in ritardo (e poco motivato) rispetto gli altri partiti, inoltre già da tempo molti utenti si erano espressi per il Sì, quindi lasciare libertà di voto poteva essere la scelta più corretta.

Referendum sulla riforma della costituzione

Emerge anche il fatto che nessun esponente Radicale della Rnp (Bonino, Pannella, Capezzone) ha fatto emergere le sue posizioni in merito, malgrado le posizioni passate.

Gli utenti che voteranno per il , fanno un ragionamento abbastanza semplice: il NO di Rifondazione Comunista  & C. significa che la costituzione è sacra & intoccabile, il NO dell'ULIVO è fittizio perché è praticamente impossibile fare dei cambiamenti significativi senza scontentare la sinistra massimalista; non resta quindi che votare il condizionato dell'UDC o deciso di Forza Italia / AN / Lega, per veder proseguire le riforme nel Paese. Votare SÌ è l'unico modo per OBBLIGARE la sinistra a procedere con le riforme.

Comunque vada la riforma non rimarrà inalterata e i referendum precendenti disattesi insegnano.

Tra l'altro, malgrado la poca informazione, il 18 giugno è passato il Referendum in Catalogna per aumentare la propria autonomia dalla Spagna e Zapatero si è schierato per il .


Referendum sulla riforma della costituzione

| |

Il 25 - 26 giugno si voterà per le modifiche alla costituzione italiana; non ci sarà quorum quindi vincerà la maggioranza dei votanti.

Le modifiche alla costituzione in breve:

  • Stato più efficiente e meno costoso, riduzione del numero dei parlamentari
  • Divisione dei ruoli, la camera si occuperà delle esigenze dello Stato mentre il senato delle regioni
  • Chiarezza sulle competenze, scuola, sanità e polizia locale saranno amministrati dalle regioni nell'interesse nazionale.

Perché voterò SÌ

Per rendere giustizia storia d'Italia

L'Italia è stata per secoli composta da diversi piccoli stati, ognuno con le proprie specificità.
I prodotti tipici che oggi stiamo riscoprendo, che il mondo c'invidia, non sono solo la riscoperta dei nostri territori, ma sono il nostro modo di competere nella globalizzazione.

Cos'é la cucina italiana se non la somma delle cucine regionali?

L'Italia federale, era la soluzione, ma ci arriviamo solo oggi; non dimentichiamoci che già oggi le regioni non sono tutte uguali; i cittadini delle regioni a statuto speciale (come Trentino, Valle d'Aosta, Sicilia,..), possono già sperimentare  l'automia.
Non vi ricordate più del referendum dei paesini veneti che si sono annessi al Trentino Alto Adige?

Curioso che nella sinistra italiana ci siano pro-indipendentisti per i paesi baschi, ma nessuno apertamente federalista.
Malgrado il non schieramento aperto della Rosa nel Pugno si possono incontrare sul loro forum molte persone che voteranno a questo referendum.

Ma lo sapete chi era il movimento federativo radicale nel 1982?

I referendum non servono

Vengono scomodate le persone, per andare a votare temi (anche) di ordinaria amministrazione(vedi "Abolizione del Ministero del Turismo"), poi i politici se ne fregano, gli elettori pure e non cambia mai nulla. (vedi "Finanziamento pubblico hai partiti", "Privatizzazione della RAI", "Maggioritario"..)

I referendum dal 1995 non raggiungono più il quorum. Onestamente non mi meraviglio visto quanto vengono considerati dai politici

Votare NO o astenersi, significherebbe mettere uno Stato moderno ed efficiente nel dimenticatoio e vedere Prodi che sbriga solo le faccenducce facili prima che il palazzo gli cada addosso.

Prima delle elezioni, sembrava una rivoluzione, "legge sul conflitto di interessi, subito, per limitare lo strapotere di berlusconi" adesso spunta l'amnistia come se fosse il problema prioritario per l'Italia, qualche consiglio per i 100 giorni di Prodi.


Calcio, politica e religione = nazionalismo malato


[img]images/0fc9fb8f83be067098ca33c0538e34f4-150.jpg[/img] Lo stadio sembra sempre più un luogo dove il calcio è secondario; si va a fare politica, ci si picchia, si va a pregare, si fanno i minuti di silenzio per avvenimenti inverificabili,..

I tifosi sono sacri: girano nelle citt


Syndicate content