Italia



Salva la lingua (Howto)


[img]images/itanglish.png[/img]
Premessa
Questo documento nasce come [url=?q=node/view/6]sfogo[/url] a una situazione ormai insostenibile e [url=?q=node/view/24]irreparabile[/url], nonostante questo cercherò di analizzare gli argomenti nel modo più chiaro e strutturato possibile. Il fenomeno a cui mi riferisco è stato più volte definito come itanglish, ovvero l'invasione ingiustificata di termini soprattutto inglesi nella lingua italiana.
L'analisi della lingua italiana moderna può essere fatta sotto molteplici aspetti: tecnici, politici, nazionalistici, artistici, ecc.. Personalmente preferirò quello pratico perchè è il più neutrale e quello che interessa il maggior numero di persone.

Cosa intendo come lingua
La lingua che mi interessa non è quella di Dante, Petrarca, Boccaccio e non mi importa che non si usino più i congiuntivi; a me interessa che l'italiano comune possa capire gli articoli dei giornali, i discorsi dei consulenti bancari e il figlio che gli spiega ad usare internet,.. senza necessariamente sapere l'inglese.
Nel gergo informatico fare siti internet o programmi compresibili e utilizzabili da tutti si chiama: accessibilit


Pagine Gialle 2004 e il cdrom allegato

|

[img]images/node/13_full.png[/img]
Oggi mi sono arrivate le Pagine Gialle e oltre al solito mattonazzo, ho trovato anche un cdrom delle Paginebianche.

Il cdrom contiene tutte le aziende italiane presenti sulle Pagine Gialle e il suo utilizzo è molto simile a http://www.paginebianche.it

E' stato prodotto da http://www.ecofina.it e stampato da http://www.reggiani.it

I suoi requisiti sono (purtroppo) i soliti richiesti dai suoi cugini (Numeri di telefono, codice civile,.. su cd) ovvero:

[code]
Microsoft Windows 95/98
Lettore cdrom
Microsoft Internet Explorer
[/code]

Preso dalla curiosit


Ti senti di più..

|

Voti totali

Italiani discriminati nell'Europa trilinguistica

|

[img]images/euflag.png[/img]
Articolo 22 della Carta dei Diritti Fondamentali dell' Unione Europea:

[code]L'Unione rispetta la diversit? culturale, religiosa e linguistica[/code]

Questo articolo dovrebbe rassicurare tutti i cittadini dell'Unione Europea attuale e futura; invece mi rendo conto che non è così. Siamo veramente sicuri che un cittadino italiano abbia le stesse opportunit? di informarsi nell'UE come uno tedesco? La realt? dimostra che non è così: tutti i dibattiti sull'Unione trasmessi sul satellite in diretta sono in francese, tedesco e inglese, così come le ultime notizie sul sito www.europa.eu.int

Non voglio dire che le altre lingue siano state dimenticate, le notizie più importanti sono disponibili in tutte le lingue, ma la gran parte del materiale è nativamente (a volte solamente) presente nelle 3 lingue principali dell'Unione.
Questo vuol dire che nonostante la diversit? linguistica sia rispettata non è supportata(e sarebbe sempre più difficile con l'aumentare dei Paesi membri): la gran parte dei cittadini dell'Unione non parla francese, tedesco o inglese come prima lingua.

Chi perde di più, in questa "omologazione a tre" forzata di fatto, è l'Europa meridionale (Italia, Spagna, Grecia,..).

La soluzione di insegnare un trilinguismo ([b]italiano[/b], [b]inglese[/b], [b]tedesco[/b] o [b]francese[/b]) fin delle elementari la vedo come un decadimento annunciato dell'Italia, della nostra scuola, della nostra cultura e dell'Europa.
L'inglese imparato oggi nella scuola italiana è molto superficiale, è talmente superficiale che il Politecnico di Torino (come tutti i Politecnici, credo) richiede una certificazione esterna dell'inglese (P.E.T.), l'introduzione di un'ulteriore lingua straniera render? ancora più superficiale la conoscenza della lingua inglese e taglier? ore alle materie specifiche.

Voglio finire con una domanda cattiva.. non si sarebbe fatto prima ad insegnare l'inglese ai francesi e ai tedeschi invece di sbandare la gran parte d'Europa a un inutile trilinguismo?


Syndicate content