Libert



Putan tour virtuale 2.0 (di giorno con ragazze minorenni davanti ai carabinieri)

| | |

No non faccio parte del nuovo partito olandese pseudo-pedofilo, non sono gay e non affitto case alle prostitute semplicemente sono costretto a fare questo putantour tutti i pomeriggi mentre che mi reco all'università in bici.

Scopri come funziona la prostituzione legale a Berlino.


La spazzatura e i cristiani nel mondo mi creano confusione per fortuna che c'é il dialogo interreligioso

|

C'é la spazzatura a New York e tutti i media si concentrano a parlare che la spazzatura ha salvato la vita di un'aspirante suicida, c'é la spazzatura a Napoli e tutti si lamentano che è pericolosa per la salute.

Qualcuno dovrebbe buttarsi sulla spazzatura anche qui, così anche noi potremmo affermare che la spazzatura salva la vita. L'arte di trasformare notizie negative in positive è veramente un'arma potentissima, davvero le notizie di cronaca americane sono un' arma di distrazione di massa.

Nel frattempo gli atti terroristi contro i cristiani caldei in medioriente mi fanno pensare, perché l'Unione Europea dovrebbe difendere i cristiani in particolare? Non c'é già il Vaticano per quello?

Iphone 3G la prova che gli italiani sono stupidi

| |

90.000 iphone acquistati da poveri italiani che non arrivano alla fine del mese...
Che tristezza, poi c'è anche qualcuno che non distingue un cellulare castrato da un computer.

Le applicazioni installabili possono essere solo prese dall'AppStore, un concetto simile alla distribuzione Linux, ma gestito in modo chiuso ed esclusivo da Apple.

A questo punto, grazie Microsoft, almeno con Windows Mobile sei libero di installarti quello che vuoi.


Solidarietà ai siti colpiti dalla censura

| | |

Natale si avvicina, e così la necessità di fare delle buone azioni forzate per essere accettati dalla società cosidetta "normale".

Ai gestori del sito dell'ADUC va tutta la mia solidarietà; anche questo sito contiene varie offese religiose, soprattutto alla religione islamica. Personalmente non le condivido, ma non vengono rimosse proprio per far rendere conto, alla gran parte dei visitatori, la stupidità delle stesse.

Censurare dei siti perché contengono delle offese fatte in alcuni commenti anonimi, non è come censurare un sito che ha come scopo principale quello di offendere certe tipologie di persone.

COMUNICATO

Firenze, 17 Novembre 2006. Il sequestro preventivo di due forum sul nostro portale internet avvenuto ieri 16 novembre e' un fatto gravissimo. Se oggi e' capitato a noi domani potrebbero venire censurate preventivamente edizioni di quotidiani prima che arrivino alla stampa perche' contengono materiale che qualcuno ritiene offensivo nei confronti di una religione. Inoltre, l'inusitata solerzia (24-48 ore) con cui il magistrato della Procura di Catania ha deciso il sequestro per vilipendio della religione cattolica ci lascia stupiti. Sui nostri forum ci sono, da anni, frasi che potrebbero essere ritenute offensive dai credenti di altre religioni, se non dagli appartenenti a quasi ogni istituzione, associazione, o gruppo di persone, ma si e' deciso di agire solo sul fronte della religione cattolica. Il forum non e' moderato, e da' la possibilita' a tutti di esprimersi. Se non permettiamo la pubblicazione di incitazioni alla violenza, e' nostra convinzione che si possa parlare male di chiunque, anche della religione cattolica.
Tra le frasi incriminate di cui parla don Fortunato Di Noto dell'associazione "Meter onlus", da cui e' partita la segnalazione alla Procura di Catania, una che lo stesso riprende in alcune interviste e' la seguente: "'i cristiani capiscono solo le mazzate e anch'io voglio insultare, picchiare, rubare e mentire in nome di Dio." Per Di Noto, questa e' incitazione a tirare mazzate ai cristiani. La frase, invece, dice che i cristiani capiscono solo la violenza, che storicamente e' stata usata per sradicare eresie al loro interno, e per riunificate l'Italia. Inoltre, dice e' che sono prima di tutto i cristiani ad "insultare, picchiare, rubare e mentire in nome di Dio". Si puo' non essere d'accordo, anche se la storia del Cristianesimo, e della Chiesa cattolica in particolare, ci dice altrimenti. Per questo ci pare infondato il provvedimento del magistrato, al quale opporremo un riesame del provvedimento. Quello che probabilmente da' fastidio a Di Noto e al Procuratore sono le bestemmie, che ci sono. Ma bestemmiare non e' un reato.
Per quanto riguarda l'altra frase riportata da don Di Noto, "Impicchiamo tutti gli handicappati", questo non rientra, fino a prova contraria, nel vilipendio della religione. Non si capisce quindi perche' il magistrato abbia sequestrato questo secondo forum, che non contiene alcuna violazione dell'articolo 403 del codice penale (offese a una confessione religiosa mediante vilipendio di persone), che e' l'unico citato nel provvedimento. Noi non esprimiamo un giudizio sulle parole e sulle opinioni espresse nei nostri forum, ma difenderemo la possibilita' che siano scritte fino a quando non ci sara' dimostrato che sono un invito alla violenza. Frasi del genere le riteniamo stupide ed inutili, oltre che ininfluenti, ma non per questo ci ergiamo a censori. Quante volte si dice, ad esempio, dei politici "che sono tutti ladri" o che "andassero tutti a morire ammazzati". Eppure si puo' davvero prendere questa espressione per una incitazione a trovare e uccidere i parlamentari? Il contesto e' importante, e chi avra' avuto modo di leggere il forum, avra' visto che frasi del genere ci sono, e sono spesso criticate da altri utenti.
Chi fra qualche decennio o secolo vorra' capire cosa pensava e come di esprimevano veramente le persone, lo potra' capire dai nostri forum. Sara' invece impossibile ricostruire la realta' se ad ogni pie' sospinto vi saranno atti censori.

Pietro Yates Moretti, consigliere Aduc

fonte: http://www.aduc.it/dyn/dilatua/dila_mostra.php?id=161417


Cercasi politici con palle: il velo completo, niqab, dovrebbe essere illegale

| | |

Il ministro inglese Jack Straw ha dichiarato che il velo completo niqab potrebbe rendere più difficili i rapporti sociali.
In Italia è stata multata una donna col burka in base al Regio Decreto 773/1931
ART. 85. (ART. 83 T.U. 1926).
È VIETATO COMPARIRE MASCHERATO IN LUOGO PUBBLICO.
IL CONTRAVVENTORE È PUNITO CON L'AMMENDA DA L. 100 A 1000.
È VIETATO L'USO DELLA MASCHERA NEI TEATRI E NEGLI ALTRI LUOGHI APERTI AL PUBBLICO, TRANNE NELLE EPOCHE E CON L'OSSERVANZA DELLE CONDIZIONI CHE POSSONO ESSERE STABILIRE DALL'AUTORITÀ LOCALE DI PUBBLICA SICUREZZA CON APPOSITO MANIFESTO.
IL CONTRAVVENTORE E CHI, INVITATO, NON SI TOGLIE LA MASCHERA, È PUNITO CON L'AMMENDA DA L. 100 A 1000.

ma basta leggere un po' più su per capire che la norma si riferisce a
TITOLO III. DISPOSIZIONI RELATIVE AGLI SPETTACOLI, ESERCIZI PUBB LICI, AGENZIE, TIPOGRAFIE, AFFISSIONI, MESTIERI GIROVAGHI, OPERAI E DOMESTICI.
CAPO I. DEGLI SPETTACOLI E TRATTENIMENTI PUBBLICI.

e non quindi alla mamma che porta la figlia a scuola; detto questo credo che la questione del velo, chador,.. debba essere chiarita a livello giuridico/politico una volta per tutte.

In Italia e Svizzera se ne parla, ed è facile dare del razzista/xenofobo a chi non è pronto a giustificare anche il comportamento più irrazionale nel nome della religione.

Sempre nel contesto dell'Islam italiano, apprezzo i chiarimenti audio di Roberto Hamza Picardo dell'UCOII sul controverso discorso del Papa Benedetto XVI, un po' meno quello sull'hijab. È vero che l'abito non è mai neutro, ma che ha sempre un significato intrinseco, ma da qui a giustificare un hijab che non fa vedere il volto ce ne di differenza.
Espropriare la persona della propria immagine verso gli altri non è comparabile con l'essere a favore o meno della minigonna e spero che l'islam italiano esca dall'ambiguità dei veli "tutti più o meno uguali".


Syndicate content