Google #AdSense inizia a censurare la pubblicità se ci sono keyword volgarità



| |

Avete presente la crociata di Steve Jobs contro il porno? Bene non è il solo in ambito tecnologico ad avercela con questo immenso settore che tutti lo deplorano, ma in realtà rappresenta una fetta notevole di internet.

Sono 5 giorni che alcune pagine di questo sito sono state bannate dal circuito adsense solo perché contengono una o due occorrenze delle parole tr01a, tro13caxo, fig4h,.. senza ovviamente nessuna immagine oscena, sfido voi a indovinare quali.

Come me ne sono accorto?

Per una coincidenza troppo strana tutte le pagine coinvolte continuavano a visualizzare "Google Trivia" al posto dei soliti annunci di centri massaggio e escort. Sostituendo l'alias "/ciao_pippo" col valore interno "/node/323" l'esposizione degli annunci magicamente ricompariva.
Inoltre andando su Google Analytics ho avuto la certezza che su quelle determinate pagine negli ultimi 5 giorni, le esposizioni e l'eCPM è passato da X a 0.
Quindi se avete pagine che contengono le suddette parole sostituitele immediatamente prima che abbiano successo! Perché Google non vi notificherà un bel tubo e correggendole forse verranno riammesse.
Non ho altri elementi in merito sulla lista delle parole proibite ("sesso" e "prostituzione" non sono vietate per ora), ma credo che la stessa analisi si applichi anche ai commenti degli utenti, quindi occhio.
es http://assente.vega9.com/it/niqabitch_le_tro1e_musulmane_che_non_hanno_capito_nulla_di_liberta_e_tutto_di_marketing

Lista delle parole che bloccano la pubblicità su AdSense
(basta anche solo un'occorrenza, dipende dalla keyword density)
  • sesxo a p@gamento
  • y0upron
  • tr014
  • putt4n@
  • c@zz0
  • pr0stituz10ne
  • f1g@

TOS

Schiavitù è una parola grossa, allora siamo anche schiavi dell'acquedotto, del fornitore di internet, della raccolta rifiuti.. è evidente siamo sempre più dipendenti da servizi, ma finora in molti casi possiamo anche scegliere di non usarli.

Quello che è fastidioso è il comportamento: "Tu che dici le parolacce da oggi mi stai sulle palle, mentre aggregatori automatizzati e certi SPAMMER espliciti mi stanno ancora bene, ma non te lo dico, semplicemente inizio a chiudere il rubinetto".

da: https://www.google.com/adsense/localized-terms?hl=it
(e) visualizzare qualsiasi Annuncio, Link o Pulsante Referral su qualsiasi pagina o sito Web che contenga materiale pornografico, messaggi che incitano all'odio e alla violenza o contenuto illegale;

Questa è la parte del TOS(term of service) di Adsense che secondo loro ho violato in alcune pagine, ma a parte qualche parolaccia davvero NON SENTO DI AVER VIOLATO ALCUNCHE'.

mmm..

no.. il mio commento voleva far notare come chi gestisce un blog amatoriale o semi professionale non abbia altra scelta se non Google Adsense per monetizzare qualcosa..
Ed e' quindi qui che vedo un problema.. cioe' non siamo liberi di scrivere cio' che vogliamo perche' altrimenti non prendiamo pubblicita'.. forse schiavitu' e' un po' troppo.. ma non ci siamo lontanissimi.

Già e la tendenza non è

Già e la tendenza non è quella di competere, ma quella di creare mercati chiusi e paralleli dove poter monetizzare qualcosa (AppStore, Market, AdSense, ..) ovviamente devi attenerti alle loro regole.

Le alternative ci sono http://assente.vega9.com/it/alternative_ad_adsense_italiane_dopo_liquida_anche_virgilio_ha_il_suo_circuito_pubblicitario ma non sono assolutamente paragonabili ad adsense.

mmm.. google schiavi?

Beh.. penso che quando si raggiunge questo livello, sia necessario porsi una domanda: siamo schiavi di Google?

Cioe', Google stacca la spina e noi restiamo senza corrente. Secondo me e' inaccettabile.. bisogna trovare un'alternativa.