pubblicità



Social Media Manager e teleleimbonitori di tutto il mondo unitevi!

|

Mi è capitato di incontrare un conoscente che non vedevo da alcuni anni, dopo i primi convenevoli gli chiedo se ancora si occupava di programmazione e mi fa: "ah.. no, ora ho un'azienda dove ci occupiamo di comunicazione ed eventi".

Uno studio di comunicazione, dove puoi trovare tutti i servizi indispensabili per le tue esigenze.

Doh, se anche chi sapeva fare qualcosa si è buttato sul marketing stiamo proprio andando alla frutta, ma onestamente non posso biasimarlo, mi sono accorto sulla mia pelle che se fai le cose concrete si guadagna poco per quel che fai e nessuno ti dà un riconoscimento, mentre se ne parli, socializzi, stringi mani, magari non concludi un ca2z0 alla fine campi anche meglio e con più soldi e meno stress.

Cavolo è l'era della comunicazione, puoi essere bravo quanto vuoi ma se non lo comunichi e non trovi emergere da il dietro le quinte sarai sempre solo un ingranaggio da buttare via quando non servi più e se quello che fai avrà successo tutto il merito se lo prenderà il comunicatore che ti ha scoperto, perché risulterà che è stato lui a guidarti verso la retta via.
Dopotutto qualsiasi cosa pratica può essere ricreata, riprogettata anche in paesi del terzo mondo, mentre le cazzate l'illusione di creare qualcosa di veramente unico e indispensabile te la può dare solo un teleimbonitore e su questo fronte Wanna Marchi, il sale da cucina e lo stipendio medio degli ingegneri insegna.


Le feste sono finite e ve lo dice un tenero maialino

| | |

A volte mi chiedo, ma davanti un immagine del genere che cosa penserà l'opinione pubblica (o meglio la gente)? tenero maialino
- A. Io amo gli animali e non li mangio
- B. Io amo mangiare gli animali
- C. Odio chi ammazza gli animali, ma amo la porchetta

Questa pubblicità progresso è stata finanziata dalla campagna: "Dona anche tu 1 euro alla coerenza e per la ricerca dell'albero dei prosciutti"


Quanto mi piacciono le pubblicità giapponesi

| |

Più le guardo e più non le capisco. Sembra che il Giappone viva in mondo parallelo fatto di bambini ingegneri pervertiti.

Syndicate content