Cosa sono i Bitcoin e perché vale la pena usarli



| | |

bitcoin
 
I Bitcoin (simbolo B⃦ o BTC) sono una moneta virtuale decentrata P2P che permette di acquistare beni reali e servizi tramite internet. Non ché evita nei periodi di crisi finanziaria che lo Stato faccia un prelievo forzoso dal tuo conto corrente il 9.9% come sta avvenendo in questi giorni a Cipro.
Sì ma cosa hanno di speciale e perché ultimamente sono balzati in cronaca anche in quotidiani come il Sole 24 Ore o il Fatto Quotidiano?
 
Facciamo un passo indietro, nel mondo reale possiamo rispondere ad un annuncio commerciale, incontrare una persona e comprare un bene passando a mano dei soldi a un'altra persona, stiamo facendo una transazione, è anonima, non è tracciata e non stiamo pagando nessuna commissione a nessuna banca.
 
Questo comportamento sta diventando sempre più raro nella vita reale, perché ci sono bancomat e carte di credito ed è praticamente impossibile via internet, perché quando acquistiamo un bene su ebay normalmente lo paghiamo via Paypal o bonifico, quindi lasciamo tracce, non c'é anonimato e siamo obbligati a pagare una commissione a una banca o comunque a un intermediario.
 
Inoltre nel web sta avvendo un fenomeno al quanto discutibile che è il "My MarketPlace My Money" ovvero i grandi del Social Network stanno cercando di imporre delle valute che funzionano solo all'interno della propria cerchia (Lock-in) e che non vengono riconosciute altrove, come i "Facebook Credits".
 

Come iniziare con i Bitcoins

Per poter utilizzare i bitcoin c'è bisogno di un indirizzo, così come avviene con l'indirizzo email. Dopodiché si possono ricevere od inviare soldi ad altri indirizzi.
Sempre analogamente a quello che avviene con l'email, l' indirizzo di bitcoin simile a una coordinata bancaria che identifica un conto corrente, deve essere amministrato attraverso un client che può essere Bitcoin-qt oppure tramite un servizio web tipo Instawallet  (analogo del servizio GMail per l'email).
 
Le transazioni tra indirizzi sono pubbliche, ma solo chi è in possesso della chiave privata può pagare da un determinato indirizzo.
 

Come si ottengono i Bitcoins

  • Tramite le persone: come una qualsiasi valuta EUR, USD, YEN possono essere convertiti a mano da persone che li scambiano con cartamoneta.
  • Tramite il mining: in questo caso i bitcoin vengono generati dall'elaborazione di super computer, in Italia visto anche il costo della corrente questa operazione non è economicamente sostenibile. Qui il video.
  • Free Bitcoins: se non volete spendere dei soldi per provare il sistema, potete ottenere gratis delle frazioni di Bitcoin tramite dei siti che li regalano in cambio di visibilità, per esempio: Netlookup, BitVisitor o Cointube.
     

Chi già utilizza i Bitcoin

 
Stando alle notizie dei pochi mass media che ne hanno parlato i bitcoin si usano per comprare da "Silk Road" (detto l' "Ebay delle droghe") o da siti che vendono armi online.
In realtà ci sono anche siti molto famosi che accettano bitcoin perché altrimenti non ci sarebbe altro modo per vendere determinati i propri servizi in certi paesi.
 
Per esempio la più grande piattaforma di blog Wordpress.com accetta come valuta Bitcoin perché altrimenti non potrebbe vendere servizi premium a blogger Nord Coreani o Iraniani.

Parlando di altre aziende che già supportano i bitcoin qui ce ne una lista, che comprende attività di qualsiasi tipo dai casino online agli ostelli, dagli investimenti con le opzioni binarie al cibo biologico.
 

Conclusione

Personamente credo che i bitcoin siano il futuro delle transazioni online perché hanno la stessa filosofia di internet degli albori: sono una moneta decentrata e non controllata da un unico soggetto.
 
Sostituiranno l'Euro o altre valute nazionali? Probabilmente non ancora, per lo meno non fin quando tutti possederemo uno smartphone, ma sicuramente sono da tenere d'occhio in Germania ci sono già diversi servizi ad-hoc.