Da dove veniamo e dove andiamo?



| |

Per questo questo tipo di domande lui aveva sempre una risposta, è sempre stato un punto di riferimento affidabile nella mia vita e mi ha portato in posti che altrimenti non avrei mai visto.

Non sempre la strada indicata era globalmente la migliore, ma per lo meno ci ha sempre provato.

Il suo concetto di ottimale è un po' diverso dal mio, lui è più introverso, a volte chiama le cose in modo diverso, ma ci siamo quasi sempre capiti.
Stiamo bene insieme ed è davvero un ottimo compagno di viaggio, basta che non lo prenda troppo alla lettera.

Ultimamente, però, ho avuto la conferma che il mio amico è metereopatico. Quando il cielo è nuvoloso, fa finta di aiutarmi invece vuole solo prendere in giro, anche a costo di farmi fare figuracce.
Ho provato ad insistere, ma non c'é verso, quando si impunta è proprio uno stronzo, non mi dice più nulla.

Colgo l'occasione per ringraziare singolarmente tutti quelli che frequento e in particolare 3 persone che non si conoscono tra loro, ma che mi hanno fatto riflettere molto sotto diverse sfaccetture.
Quello che sono ora è anche merito loro.

A. Perché riesce ad essere un catalizzatore di persone, senza parlare molto o fare qualcosa in particolare.
B. Perché riesce ad ottenere quello che vuole senza insistere e rimanendo leale, sà cogliere l'attimo e quando cade si rialza infretta.
C. Perché mi ha sorpreso e illuso inspiegabilmente.
Il tempo mi ha dato ragione, ora può aspettarsi da me solo indifferenza e sorrisi vuoti.